Top
 

2 NOTTI IN PISCINA E RELAX TRA LE COLLINE UMBRE

Relax & Benessere

2 NOTTI IN PISCINA E RELAX TRA LE COLLINE UMBRE

€65 persona
Periodo: dal 13 al 15 Luglio 2018 
Durata: 2 notti

2 Notti + Colazione + Noleggio biciclette per ospiti booking
Costo totale 130€

Informazioni come arrivare

AUTO (per chi proviene da Nord)
Autostrada A14 ADRIATICA
si esce a FANO e si prosegue per (ROMA)-GUBBIO
Autostrada A1 DEL SOLE
si esce ad AREZZO e si prosegue per (CITTA’ DI CASTELLO)-GUBBIO

AUTO (per chi proviene da Sud)
Autostrada A1 DEL SOLE
si esce a ORTE in direzione PERUGIA-CESENA fino all’uscita per GUBBIO
Autostrada A14 ADRIATICA
si esce ad ANCONA-NORD e si prosegue per (JESI-FABRIANO)-GUBBIO

TRENO

  • Linea Ferroviaria ROMA – ANCONA
    stazione di Fossato di Vico/Gubbio
    collegata con servizio bus (18 km da Gubbio)
  • Linea Ferroviaria FIRENZE – TERONTOLA – PERUGIA stazione di Perugia/Fontivegge collegata con servizio bus (40 km da Gubbio)
Prenota il biglietto per il Treno
Noleggia Auto

Informazioni della struttura

Prenota con il nostro sconto booking il soggiorno: ``La Valle dei Fiori`` per 2 ospiti e 2 notti compresa Colazione con Cancellazione GRATUITA prima del 28 giugno 2018 al prezzo di 130€ ( ottima colazione inclusa ). Noleggio biciclette per gli ospiti di Booking.com (in base alla disponibilità)

Situata a Torre de’ Calzolari, in Umbria, a 25 km da Assisi, La Valle dei Fiori offre una piscina all’aperto stagionale, una terrazza, un ristorante e servizi gratuiti quali un parcheggio privato e la connessione WiFi.Affacciate in alcuni casi sulla montagna o sulla piscina, le camere presentano una TV e un bagno privato completo di bidè, doccia, accappatoi, asciugacapelli e set di cortesia.

In loco troverete inoltre un salotto in comune.

Potrete usufruire gratuitamente delle biciclette dell’agriturismo e praticare il ciclismo nella zona. La Valle dei Fiori dista 31 km da Perugia, 10 km da Gubbio e 26 km dall’aeroporto di Perugia – San Francesco d’Assisi.

Questa struttura si trova anche in una posizione valutata tra le migliori a Torre deʼ Calzolari! Agli ospiti piace di più rispetto a quella delle altre strutture.

Le coppie apprezzano molto la posizione: l’hanno valutata 8,2 per un viaggio a due.

Questa è anche la struttura con il miglior punteggio per il rapporto qualità-prezzo a Torre deʼ Calzolari! Rispetto ad altre strutture di questa città, gli ospiti ottengono di più spendendo meno.

Prenota il soggiorno
Se i voli low cost che hai trovato non hanno soddisfatto le tue esigenze, compila gratuitamente il nostro modulo della pagina IDEA VIAGGIO. Il team di Viaggia Veloce ogni giorno seleziona per te le migliori offerte e voli direttamente dalle compagnie aeree. Per ulteriori info: cambio date, cambio della città di partenza e di arrivo del volo, il numero di passeggeri scrivici a info@viaggiaveloce.it
Come prenotare su Viaggia Veloce
  • Destinazione
  • Departure
    da Roma/Milano/Bologna/Catania/Pisa/Bari/Torino/Napoli
  • Incluso
    2 NOTTI IN PISCINA E RELAX TRA LE COLLINE UMBRE
    Parcheggio
    Connessione Wi-fi
    Piscina
    Bagaglio a mano
    Soggiorno
    Colazione
  • Non Incluso
    Accesso spa & centro benessere
    Cena
    Navetta Aeroportuale
    Volo
1
A Gubbio possiamo visitare:
Cosa vedere a Gubbio. Ecco una mini-guida per partire alla scoperta di Gubbio, la città dei “matti”, senza farti trovare impreparato. Cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare a Gubbio, una delle città più belle e caratteristiche dell'Umbria.
2
Viaggiare informati:
Cominciamo il nostro tour eugubino dal Duomo, chiesa maggiore di Gubbio e tesoro d’arte. Entrate al suo interno per ammirare le opere dei maggiori artisti eugubini del Cinquecento e i due organi della stessa epoca ivi custoditi. La scenografica e panoramica piazza Grande ospita anche Palazzo dei Consoli, simbolo della città, realizzato in stile gotico a testimoniare l’importanza di Gubbio in epoca medievale. Al suo interno ospita il museo comunale, il “campanone” e le sette “Tavole Eugubine”, il più importante documento per la storia dei popoli italici, datate fra il III e il II secolo a.C. Di fronte al Duomo sorge il Palazzo Ducale, eretto nel secondo Quattrocento per volontà del Duca Federico di Montefeltro, di cui si può ammirare lo studiolo (copia fedele dell’originale esposto al Metropolitan Museum di New York) oltre a uno splendido cortile interno composto da una serie di archi a tutto sesto sorretti da colonne e capitelli decorati. Degna di nota la Casa di S. Ubaldo, antica casa torre dove abitava il Santo patrono di Gubbio che risale a un periodo compreso fra il Due e Trecento, come testimoniano alcune tracce di decorazioni murali originali contenute all'interno. Non tutti sanno che … >> Nella Casa di S. Ubaldo, una volta ogni 25 anni, avviene il resturo dei ”ceri”, protagonisti indiscussi dell'attesissima Corsa dei Ceri Fuori dalle mura antiche vi troverete faccia a faccia con il Teatro Romano, risalente aI I secolo a.C. e restaurato fra l’Otto e il Novecento che tuttora durante la stagione estiva è il palcoscenico per spettacoli classici.

Posizioni sulla mappa

Visualizza le distanze dalla nostra mappa!

Gubbio è una città affascinane e forse, la più bella città medioevale, sicuramente una città ricca di storia, monumenti , che ha affascinato autorevoli personaggi quali Papini, D’Annunzio, Piovene, Zeri, Hesse. Le “Tavole Eugubine” del III-I sec a.C, i resti del Teatro Romano del I sec. a.C così come le miriadi di frammenti dell’Età del Bronzo testimoniano la sua antica grandezza. La struttura urbanistica risalente al Medioevo è rimasto immutato a tutt’oggi, uno progetto urbano concepito nell’ età comunale e giunto integro nei suoi monumenti nella maggior parte costruiti in “pietra” .
Cosa vedere a Gubbio Di grande interesse sono le chiese di S. Agostino, S. Domenico, S. Pietro e San Giovanni; la Chiesa di S. Secondo (edificata nel V sec. d.C.); la Basilica di Sant’Ubaldo (quasi in vetta al Monte Ingino e raggiungibile anche con una comoda Funivia che conserva il corpo incorrotto del Santo patrono della città e i Ceri di Gubbio); la Chiesa della Vittorina del XIII sec. pare che sia stata costruita nel luogo in cui S. Francesco incontrò il lupo di Gubbio.
Infine si consiglia di visitare il Teatro Romano di fine del I sec. a,C. e il Parco Ranghiasci. Nelle immediate vicinanze da visitare la Gola del Bottaccione subito a Nord di Gubbio, oggetto di studio del geologo americano Walter Alvarez che ha elaborato la famosa teoria sull’estinzione dei dinosauri.
La gola accoglie anche resti storico-artistici di varie epoche, dall’ “Acquedotto” medievale, all’Eremo di S, Ambrogio. Cucina A Gubbio potete degustare: il “Il friccò” preparato con carni bianche e cotto con vino, aceto, aglio, rosmarino, olio e spesso con pomodoro, meglio se accompagnato dalla “crescia”, impasto di farina acqua e sale, cotta “sul panaro” [una lastra di pietra infuocata) sotto la cenere calda; la “crescia” si gusta anche con erbe campagnole cotte o salumi locali; il “tartufo” bianco raro e raffinaato; il “pan caciato” fatto aggiungendo all’impasto del pane pezzetti di formaggio pecorino o caciotta (generalmente viene cucinato da ottobre a febbraio in occasione della raccolta delle noci).
La cinta muraria di Gubbio, fu edificata alla fine del sec. XIII , di notevole interesse sono le sei porte che si aprono in essa: alcune conservano avanzi di decorazione pittorica, stemmi della città o addirittura gli antichi battenti lignei. Entrando a Gubbio è possibile ammirare molti stupendi Palazzi Pubblici e la Piazza Grande,di dimensioni monumentali e di straordinaria arditezza, realizzata nella prima metà del ‘300.
Da visitare altri importanti monumenti: Il Palazzo dei Consoli (completato verso il 1340, che oggi ospita il Museo Civico); l’incompiuto Palazzo del Podestà (ora residenza municipale); il Palazzo Ducale (edificato dopo il 1470 su disegno di Francesco di Giorgio Martini per volere di Federico da Montefeltro); la Cattedrale dei secc. XIII – XIV ( ha l’interno ripristinato all’inizio del’ 900); nel vicino Palazzo dei Canonici si trova il Museo Diocesano; la chiesa di S, Francesco del XIII sec. (all’interno nelle absidi ci sono affreschi del Nelli).

Informazioni utili

Dove Mangiare

Cosa mangiare a Gubbio? Scopriamo insieme cosa ci riserva la gastronomia 
La cucina eugubina è rinomata per la sua semplice e gustosa genuinità. I piatti sono quelli di una volta: la minestra di legumi e cereali, le tagliatelle, gli arrosti alla brace, la corata di lepre, la crescia al panaro, gustosissima quest’ultima con i salumi locali e con il ficcò di agnello, anatra, pollo e coniglio. Da non dimenticare poi il brustengo, pane fritto che può essere mangiato accompagnandolo con pancetta, prosciutto, salsiccia, cipolla o rosmarino.
La gastronomia tipica di Gubbio è anche rinomata per il suo inconfondibile aroma di tartufo bianco o nero. Altrettanto rinomato e di alta qualità è l'olio umbro, che col suo piacevole retrogusto amarognolo e leggermente piccante è considerato uno tra gli extravergini migliori d'Italia. Tra i dolci tradizionali ricordiamo i Ganascioni delle Suore di Santa Lucia, i quali venivano anticamente offerti insieme alla Barcarola (caffè d'orzo e mistrà).